LE KOI

Amare il mondo floreale e tutto il mondo acquatico, mi porta ad esprimere, di fronte a tanta bellezza, un sentimento particolare, che si può trovare solo dentro la natura. Immaginiamo un laghetto ornamentale, immerso nel verde con uno scrosciare d’acqua proveniente da una cascata, e rapito da un movimento improvviso sull’acqua, che raccoglie lo sguardo sconvolto da un branco di bellissime Koi. I colori molteplici e raggianti di esse, riescono ad affascinarti, puntandoti, ti vengono incontro come se volessero chiederti amicizia. In un luogo dove dimora pace e silenzio, i pensieri vagano. Questo è il mio stato d’animo, e ciò che mi capita ogni volta che osservo il mio laghetto ornamentale, e sfido chiunque a non condividere ciò che provo, dopo aver visto un giardino ornamentale, incastonato da un particolare laghetto, con al suo interno ninfee, piante, bonsai e la natura

intera che respira in uno spazio ristretto. Consiglio a chi è amante della natura, di immergersi in tutto questo, e sappiate che possedere un laghetto, con dentro delle carpe giapponesi, implica responsabilità, fonte di potenziale cura e rispetto, perché le Koi, diventeranno parte della nostra vita, ci terranno compagnia per moltissimi anni e non mancheremo mai di ammirarle ed apprezzarle. Il nostro impegno, sarà quello di darle da mangiare, sostituirle l’acqua, avendo cura del’laghetto raccogliendo le foglie e i detriti portati dal vento, aspirando i fanghi e pulendo i filtri per assicurare ad esse un habitat con acqua limpida e curare la loro salute per una vita lunga e sana. Chi non avesse voglia di fare tutte queste cose, sconsiglio vivamente di avvicendarsi a costruire un laghetto ornamentale, elemento di vita, che se non curato, comporterà la morte di piante e pesci.

ALCUNI CONSIGLI PER COSTRUIRE UN LAGHETTO ORNAMENTALE

È di essenziale importanza, cercare di non costruire il lago vicino a delle piante, perché quando cadranno le foglie, esse andranno ad alterare il PH naturale dell’acqua. Le radici potrebbero danneggiare il laghetto, sia che venga realizzato in cemento o in apposito telo cerato in PVC. Posizionare il laghetto in un punto del giardino, dove non ci sarà sempre il sole diretto. Se andremo a posizionare al suo interno delle ninfee, consiglio di fare in modo che queste abbiano un’esposizione solare di 6 or

e al massimo, perché è noto che le piante necessitano della luce solare, ma hanno anche bisogno di ombra. Nel bacino, non deve mancare una pompa per il riciclo dell’acqua perchè la sua ossigenazione è vitale per le Koi e per qualsiasi pesce che avremmo intenzione di introdurvi. Ricordo che il caldo e portatore di malattie per i pesci, e un termometro può aiutarci a capire, quando potrebbe essere per loro pericoloso, ad esempio durante un ricambio di acqua fresca, dobbiamo evitare sbalzi di temperatura.

PESCI CONSIGLIATI

Essenzialmente un lago con sole Koi, risulta una opzione ottimale, in quanto anche se hanno un sistema immunitario elevato, a causa dell’immissione di altre specie, tipo Carassius o Pesce Rosso comune, si potrebbero riscontrare ma

lattie virali, nocive alle nostre incontrastate principesse. Pesce indispensabile invece, risulta essere la Gambusia, specie adatta contro la formazione di zanzare e larve, che consiglio vivamente, in quanto divoratrice di esse.

I KOINOBORI

In Giappone viene festeggiata la festa dei bambini, attraverso una tradizione simbolica che fa riferimento alla Carpa Koi. Questa festa, sin dal 1948, è una festa nazionale, che è stata istituita per rappresentare la felicità dei bambini, e manifestare l'importanza della ricchezza famigliare, che ogni genitore riceve con la nascita di un figlio. Questa tradizione ha luogo in tutta la nazione, il 5 Maggio di ogni Anno, che per gli abitanti nipponici rappresenta la settimana d'oro, nella quale si cerca di esaltare la propria prole, attraverso grandi carpe (Koi - significato di carpa in giapponese) di carta o di tessuto, dipinte con colori artistici. I modelli sgargianti di queste Koi, vengono esposti nei cortili, nei tetti o nelle facciate delle proprie abitazioni. Anche se, nelle grandi

città, a causa dei spazi molto ristretti si ha difficoltà ad issare questi grandi aquiloni, che vengono impilati uno sopra l'altro, con dimensioni crescenti dal più piccolo in basso sino al più grande, come voler dimostrare i propri figli, da l'ultimo nato sino al primo. Come sono fatti questi acquiloni? la loro forma è quella rappresentativa delle Koi, ma più specificatamente l'aquilone è una manica di carta o di stoffa, che permette il passaggio dell'aria, spinta dal vento al suo interno, creando un'aspetto della stessa Carpa che nuota nel cielo. Tutto ciò viene ispirato, dalla adorazione di questo popolo orientale, alle Carpe fortissime, capaci di risalire i fiumi, torrenti, e cascate per deporre le uova alla sorgente, luogo di purezza dell'acqua, mostrando il loro spiccato coraggio.

LA LEGGENDA DEL DRAGO

A chi non e mai capitato di vedere uno splendido specchio d’acqua nel giardino di una casa? E se dentro il laghetto ci fossero delle splendide carpe giapponesi? Sicuramente non è cosa di tutti i giorni, e se capita, ci vuole poco ad essere rapiti dalla loro bellezza. Avete mai visto dei tatuaggi di Koi rivolte verso l’alto? Il significato iconografico, fa riferimento ad una antica leggenda orientale, tale leggenda narra di una carpa che ostentava coraggio e astuzia, nel risalire fortissime cascate e correnti fangose del Huáng Hé (Fiume Giallo – in Cina), per raggiungere la sorgente cristallina, attraverso l’ultima cascata chiamata “La porta del Drago”. Al superamento degli ostacoli, impos

ti da spiriti dannati che cercavano di fermarne la salita, gli Dei vedendo tale prova di estremo coraggio, donarono al pesce miracoloso le sembianze di un bellissimo drago dai colori raggianti, e secondo le credenze degli antichi samurai, il Drago aveva la capacità di immortalità e coraggio che poteva essere esibito durante gli scontri con vitali difficoltà. Il simbolismo della Koi, spesso usata nei Tatoo, ha significato di portafortuna, proprio grazie a questa leggenda. Ma oggigiorno, capita di vedere persone, attratte solo dalla bellezza della Koi, che adorano esibire i tatuaggi delle carpe per puro narcisismo, escludendo un erudito esempio di saggezza e audacia di questa meravigliosa specie.

©2019minilogo FlorCarp.it - e-mail: info@florcarp.it